READING

HoMedics: via i peli a sbattimento zero

HoMedics: via i peli a sbattimento zero

Se si parla di bellezza ormai lo sapete: i capelli sono la mia ossessione, li curo, li maltratto, per poi amarli nuovamente e investirci capitali.
“Teorema”.
C’è un altro chiodo fisso che ho, grazie al quale ho fatto diventare la mia estetista ricca: i peli.
Nel senso: non ci vado molto d’accordo dato che sono superflui, brutti, e impegnativi da ben due punti di vista, quello temporale e quello economico.
Dite la verità: quante di voi, due volte al mese, fanno i salti mortali con tripli carpiati per riuscire a trovare il tempo per andare dall’estetista, che magari last minute ti sposta appuntamento?
Io poi me le sono scelte pure comode, una è esattamente dalla parte opposta di Milano, l’altra è solo ad Arezzo, un trecento chilometri di distanza.
Un mese e mezzo fa ho avuto però un’apparizione bianca e a forma di telefono con i fili dal nome quasi di una divinità induista, che prometteva al miracolo: Duo Salon.
È arrivata a casa come un’epifania, sotto le spoglie di un cofanetto bianco targato HoMedics.

HoMedics3

L’epilatore professionale a luce pulsata direttamente sul mio tavolo.
Quando ho aperto il cofanetto, e mi sono studiata l’apparecchio ho subito chiamato una mia amica, che ha esclamato: “Ma sei sicura?”
Prima di provare un aggeggio del genere ho fatto le mie dovute ricerche e ho raccolto testimonianze, premettendo che non accetto un sacco di aggeggi che a mio parere sono troppo invasivi o che potrebbero anche lontanamente farmi male.
Elisa ha fatto la luce pulsata all’inguine e si dice soddisfattissima.
La mia amica Giulia, entusiasta, mi ha rivelato di essere guarita persino dalla follicolite.
Entrambe sono andate in centri estetici professionali.
HoMedics è l’azienda leader nella produzione di dispositivi per l’epilazione domestica, e poi, ribadisco, è domestica. In delpasquese: a sbattimento zero.
Leggo bene le istruzioni e le caratteristiche, e come da libretto faccio il patch test, che serve per stabilire la reazione della pelle al trattamento e a selezionare il livello di energia ottimale per ogni zona da trattare.
Effettuare il patch test significa rasare, lavare e asciugare la zona interessata, per poi prendere l’epilatore, e cominciare ad emettere impulsi dall’intensità più bassa (livello 1), alla più alta (livello 5), spostandolo nelle diverse zone da trattare, per poi vederne la reazione.
Più elevato è il livello d’intensità, maggiori le possibilità di sviluppare una reazione avversa.
Dopo quarantotto ore si può procedere all’epilazione.
Mi raccomando, se mai doveste provare Duo Salon, mettetevi gli occhialini protettivi!

HoMedics4

Le domande più frequenti che mi sono state fatte dalle persone a cui ho annunciato di aver ricevuto il Duo Salon sono le seguenti:
– Domanda numero uno: “Fa male?”
Si sente un leggerissimo pizzicore, tuttavia questo nuovo apparecchio è dotato di Active Cooling Technology, un innovativo sistema di raffreddamento professionale, che consente un trattamento efficace e potente senza aggredire o surriscaldare la pelle, attenuando così il fastidio dopo ogni impulso. E comunque nulla di paragonabile alla ceretta: questa tra l’altro è un’altra motivazione che più spesso spinge le donne ad usare la luce pulsata.

– Domanda numero due: “Quanto dura?”
Praticamente sempre, non ci sono cartucce di ricambio, bensì 500.000 impulsi, non a caso ho la lista di amiche che vuole provarlo.

– Domanda numero tre: “Come funziona?”
Innanzitutto ha due tecnologie indipendenti, da scegliere a seconda delle zone che vogliamo trattare: l’IPL (Intense Pulsed Light), ideale per trattare le zone più ampie e più velocemente, come ad esempio braccia e gambe, e la AFT (Advanced Fluorescence Technology), perfetta per le parti più piccole dove occorre più precisione, tipo ascelle e bikini.
Funziona come una spazzola: te la passi sulla zona interessata una volta ogni due settimane, per un totale consigliato di 4/6 cicli in base alla tipologia di pelle e pelo.

– Domanda numero quattro: “Quanto tempo ci vuole, ad esempio, per trattare le gambe?”
Quindici minuti.

– Domanda numero cinque: “Si può usare anche per i baffetti?”
Sì, c’è un adattatore viso apposta.

– La domanda che mi sono fatta io invece, dunque la numero sei è: “Per l’abbronzatura?”
Niente esposizione al sole, prima delle due settimane dopo ogni ciclo.
I peli non cadono subito, ma piano piano, e dopo la fine di tutti i cicli non è che i peli spariscano completamente al 100%, possono ricrescere, ma il confronto è tra un bosco e un’oasi piccina e fiacca nell’immensità del deserto.

Vi sto dicendo che quasi quasi le mie ossessioni da due, capelli e peli, stanno diventando una.
Grazie a dio, e grazie a me che mi faccio il trattamento.

Non scappate, che tra pochi giorni vi faccio vedere anche un video bellino bellino a riguardo.
HoMedics2


  1. Valentina

    20 aprile

    Ciao, avrei anche io una domanda come si comporta con i nei???

    • Lucia

      20 aprile

      Ciao Valentina,
      Duo Salon non può essere utilizzato in zone con macchie cutanee come lentiggini, voglie, nei e contusioni 🙂

  2. Chiara

    20 aprile

    Diciamo pure che non sai neanche di cosa stai parlando.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM
@FASHIONPOLITAN